Occhiali, occhi e iridi: come gli occhiali correggono i difetti oculari

La vista rappresenta per gli esseri umani il senso più importante con il quale si entra a contatto con il mondo, inoltre gli occhi sono uno specchio che permette di rilevare lo stato di salute generale dell’individuo. I soggetti colpiti da insufficienze nella funzionalità oculare oppure da alterazioni della vista hanno la necessità di indossare gli occhiali per correggere difetti oculari quali:

  • miopia, un’anomalia refrattiva per la quale l’immagine di oggetti lontani si forma nell’occhio davanti alla retina rendendo la loro visione indistinta, mentre la visione degli oggetti a breve distanza resta nitida;
  • ipermetropia, un disturbo visivo dell’accomodazione dell’occhio che provoca un difetto di convergenza dei raggi luminosi, con formazione sulla retina di un’immagine sfocata (anomalia ottica opposta alla miopia); astigmatismo, patologia oculistica che si presenta quando il sistema oculare non è in grado di formare un’immagine puntiforme per cui l’immagine di un punto appare più o meno allungata;
  • presbiopia, condizione oculistica a carico del cristallino dell’occhio che determina una diminuzione del potere di accomodazione dell’occhio che non consente di vedere in modo nitido gli oggetti vicini.

Per correggere la visione in caso di alterazioni ottiche si possono utilizzare le lenti a contatto in sostituzione degli occhiali, perché hanno la capacità di flettere la luce e poi direzionarla nuovamente sulla retina, ottimizzando la visione; alle comuni lenti a contatto si affiancano le lentine colorate graduate e correttive della vista oppure no che permettono di cambiare colore degli occhi in pochi secondi dando allo sguardo un aspetto più intrigante.

Come funziona il sistema ottico

Gli occhi sono in grado di visualizzare gli oggetti sfruttando un sistema ottico che implica il coinvolgimento di varie componenti quali: cornea, sclera, iride, pupilla, camere posteriori e camere anteriori, cristallino, corpo ciliare, corpo vitreo, retina, coroide, nervo ottico, fovea. Quando si guarda qualcosa, i raggi di luce riflessi penetrano negli occhi colpendo la cornea, dopo aver passato la cornea, i raggi di luce attraversano la camera anteriore dell’occhio e la pupilla nell’iride che determina il colore degli occhi (quelli scuri hanno molti pigmenti, quelli chiari ne hanno meno).

Nella camera anteriore dell’occhio si trova un fluido, l’umor acqueo che viene prodotto ogni giorno per alimentare la cornea ed il cristallino, un ruolo importante viene poi svolto dal sistema di ventilazione che assicura la successiva eliminazione dell’umor acqueo. Nel sistema ottico, l’iride determina la dilatazione oppure il rimpicciolimento della pupilla, i raggi di luce sono in grado di penetrare fino a raggiungere il cristallino che è avvolto dal muscolo ciliare: quando si guarda qualcosa a distanza, il muscolo è rilassato mentre se si guarda un oggetto vicino il muscolo si contrae.
Il cristallino aumenta la sua curva ed il potere di refrazione si amplia, la visione di un occhio normale si misura in diottrie, un occhio in salute è dotato di dieci decimi. Grazie al potere di rifrazione del sistema ottico, gli oggetti vicini vengono riprodotti nitidamente servendosi del processo accommodation che si evidenzia con la capacità di adattamento alle necessità visive.

Il punto di visione più nitida si localizza nella retina, la massima acuità visiva si converte in una piccola zona della retina: la macula, mentre nella fovea, posta al centro della macula, sono presenti i fotorecettori tra cui i coni che permettono la visione dei colori in presenza di luce, gli esseri umani hanno tre diversi tipi di coni: rosso, verde e blu; nella retina si concentrano altri tipi di fotorecettori, i bastoncelli, che sono responsabili della visione durante il crepuscolo e la notte in quanto producono il contrasto luce/buio determinando la scala dei grigi.

Nella parte posteriore dell’occhio si trova il corpo vitreo che ha l’aspetto di una sostanza gelatinosa e protegge la retina e l’occhio nella sua complessità, nella parte posteriore dell’occhio si posiziona il nervo ottico che si estende fino a raggiungere l’area visiva nel cervello, dove si registrano le informazioni visive generate a livello retinico. Nell’area visiva, collocata dietro alla testa, si verifica l’elaborazione delle informazioni visive e si forma un’immagine ribaltata soggetta a rielaborazione da parte della corteccia cerebrale, il processo reale della visione non avviene solo nell’occhio, dal momento che è il cervello che fornisce l’immagine.

Gli esperti degli occhi

La salute degli occhi è di competenza di un medico specializzato in oftalmologia che ha la capacità di diagnosticare e trattare diversi disturbi che possono colpire la vista, ed infatti gli oculisti possono formulare la diagnosi di eventuali condizioni patologiche ma allo stesso tempo possono prescrivere specifici esami oculistici e trattamenti farmacologici, consigliare inoltre dispositivi medici, protesi esterne, presidi medici di tipo oculistico, eseguire interventi chirurgici, sottoporre a riabilitazione visiva i pazienti colpiti da difetti ottici.

Si occupano della salute degli occhi anche gli esperti di iridologia, una pratica alternativa che non viene insignita di fondamento scientifico, ma che da decenni ha attirato l’attenzione di vari studiosi che si sono specializzati in questa tecnica che consiste nell’osservare la conformazione e le caratteristiche dell’iride e della sclera utilizzando strumenti ottici e moderni sistemi tecnologici. Attraverso l’analisi dell’iride (zona circolare colorata dell’occhio attorno alla pupilla) usando specchi, luci e mappe che raffigurano la suddivisione dell’iride in quadranti e zone circolari, sarebbe possibile constatare lo stato di salute generale del paziente che verrebbe fornito dai colori delle iridi, dal suo aspetto e dall’eventuale presenza di anomalie o macchie.

L’iridologia non è insignita di alcun fondamento medico per cui non si ha la certezza di identificare alcuna malattia, ma solo individuare un deficit di tipo energetico-funzionale a carico di organi e distretti anatomici, poiché l’equilibrio del tessuto irideo dipende allo stato di salute psico-fisica generale del soggetto. Il rinnovato interesse della gente comune e dei personaggi pubblici famosi, sempre molto attenti al proprio benessere, ha riportato alla scoperta di pratiche di medicina alternativa, ad oggi i centri d’iridologia accolgono numerosi frequentatori e non sono pochi i soggetti che richiedono una consulenza online da parte degli esperti nel settore che possono essere consultati su Skype.

Occhiali protettivi per laser rosso: scopri l’uso, i modelli e le offerte d’acquisto

Gli occhiali protettivi che si possono impiegare per proteggersi dai raggi laser del tipo rosso non sono come i comuni occhiali protettivi per il laser ma sono studiati per riuscire a proteggere le reti oculari dalla potenza e dai danni eccessivi che possono procurare durante un lavoro i raggi laser infrarossi; inoltre molti modelli pensati a questo scopo hanno la caratteristica di incentivare la lavorazione permettendo una migliore visibilità anche in condizioni di luce più scarse.

Acquistare degli occhiali per proteggersi dai raggi laser del tipo rosso è importante per chi desideri avere cura dei suoi occhi infatti è comune il danno agli occhi tramite esposizione diretta o riflessa.

Gli occhiali protettivi per il laser con raggi del tipo rosso bloccano specificatamente solo le luci di tale laser ma mantegono inalterata la trasmissione delle altre tipi di luce consentendo una visione adatta a svolgere la propria sessione lavorativa in tutta sicurezza e tranquillità.

Esistono molti modelli di occhiali protettivi contro i raggi laser del tipo rosso, che variano per forma, dimensioni, peso, prezzi e colore e vi invitiamo a prestare attenzione tramite una ricerca ai diversi modelli disponibili per l’acquisto online.

Occhiali protettivi per lavorare il laser: quando la salute non ha prezzo

Se il ventesimo secolo è senz’altro il secolo dell’elettricità, il ventunesimo fra le altre cose, potrebbe essere anche il secolo della fotonica. Theodore Maiman infatti sviluppò già dal 1960 il primo apparecchio basato sull’amplificazione di luce mediante emissione stimolata di radiazioni; con questa tecnica si permette la generazione di luce con densità di potenza miliardi di volte superiori al più alto grado di densità di potenza raggiungibile convenzionalmente: si chiama laser.

Il laser è una tecnica incredibilmente importante nel nostro secolo per la manifattura e in seguito continuerà a mantenere questo ruolo, ma per i nostri occhi tutto ciò può essere dannoso? Osservare infatti raggi laser senza degli occhiali protettivi da laser potrebbe infatti causare alcuni spiacevoli danni agli occhi, vediamo alcuni dettagli.

La luce del laser è davvero molto poteete in quanto è un concentrato per densità di potenza abbastanza alto da poter far persino sciogliere un tessuto, o lavorare il metallo o la ceramica. In campo medico i raggi laser vengono utilizzati per rimuovere tatuaggi o per tagliare tessuti. Questi esempi mostrano una serie di applicazioni che richiedono un’alta potenza del laser e che come tale può comportare elevati rischii potenziali per gli occhi dell’utilizzatore se non protetto da adeguati occhiali protettivi specifici per il laser.

Poiché gli occhi sono molto più sensibili alla luce sono maggiormente a rischio: dopotutto è possibile causare lesioni oculari irreversibili con un solo sguardo a un fascio laser diretto o riflesso anche con livelli di potenza inferiori.

Il laser se non ci si protegge bene può tagliare tessuti oculari ma può anche brucare e questo tipo di problema può non cambiare anche se il raggio laser è posto a una elevata distanza. Esistono in commercio numerosi occhiali protettivi per lavorare col laser, la maggior parte non ha un costo troppo elevato da sostenere economicamente; in ogni caso anche se qualche lettore potesse ritenere il prezzo degli occhiali da protezione per laser troppo alto lo invitiamo a ricordare che la salute degli occhi, specie quando si parla di lavorazione con raggi laser, è costatemente a rischio se privi di protezioni e che proteggersi può decisamente aiutare a preservare un bene prezioso come la vista che va certamente al di là di moderate considerazioni sul prezzo degli occhiali protettivi.

Occhiali da protezione per lo sport per evitare incidenti agli occhi

occhiali-da-protezione-sport

Indossare degli occhiali da protezione durante la pratica sportiva può sicuramente aiutare a ridurre il rischio di incidenti invalidanti durante lo sport ma anche aiutare a proteggere gli occhi mentre si indossano lenti a contatto o magari mentre si è in ambienti poco igenici. Le lesioni agli occhi purtroppo possono anche essere devastanti e possono genere altri disturbi che portano a un disagio potenzialmente anche permanente; i traumi agli occhi, sebbene poco frequenti, possono essere molto dannosi per gli occhi. Piccoli oggetti che si muovono a velocità elevate possono causare alcuni dei danni più gravi agli occhi; senza adeguate protezioni agli occhi si rischia anche quando si va semplicemente in auto e si ha un incidente stradale ma anche quando si pratica lo sport, sebbene questo sia decisamente meno frequente rispetto a un evento completamente non controllabile come può essere un incidente. Quali sono i danni che possono conseguire i nostri occhi se non adeguatamente protetti da occhiali durante le pratiche sportive? Essenzialmente la principale è l’entrata di corpi estranei, seguita da irritazioni, graffi, lesioni di tipo chimico, fratture, lesioni derivanti dalle luci.

Purtroppo incidenti sullo sport quando non si hanno occhiali protettivi adeguati si possono avere anche quando si gioca a giochi che normalmente non prevedono rischi per gli occhi, come la pallacanestro o il calcio, ma in generale può rientrare in tutti gli sport e ovviamente nei circuiti per piloti e nella caccia e pesca sportiva.

Occhiali da sole che cambiano colore: fotocromatici ed elettrici (quale scegliere?)

occhiali-da-sole-che-cambiano-colore

Sei interessato agli occhiali da sole che possono cambiare colore con il variare dell’intensità della luce o col semplice controllo elettronico (occhiali intelligenti elettronici) basandosi su catene di polimeri? Scopri a chi potrebbe servire questo tipo di occhiale e quale dei due tipi è il migliore.

Esistono molti occhiali dalle caratterstiche interessanti come ad esempio il cambio del colore delle lenti col cambiare del tipo di luci a cui sono esposti: approfondiamo questo tipo di occhiali in questo articolo.

Gli occhiali che cambiano colore (parliamo delle lenti) col cambiare dell’intensità della luce sono caratterizzati da polimeri perfetti o da altri materiali utili per fare occhiali da non cambiare in ambiente esterno e interno.

Di solito quando parliamo di occhiali da sole che cambiano colore col variare dell’intensità della luce parliamo di lenti fotocromatiche, che si oscurano in risposta alla luce mediante una reazione dovuta spesso all’alogenuro d’argento; questo tipo di occhiale da sole è già presente nel mercato e pronto per essere acquistato a prezzi economici. Questo tipo di effetto potrebbe essere ideale per gli occhiali di sportivi o di piloti autisti, addetti alla sicurezza e in generale a tutte le persone che devono per necessità muoversi tra ambienti luminosi e bui senza avere la possibilità di cambiarsi gli occhiali e le protezioni.

Esistono anche degli occhiali, che funzionano tramite polimeri che si basano su dispositivi elettronici al loro inteno e che sempliemente premendo un pulsante possono trasformarsi in occhiali da sole ma generalmente sono più comodi secondo la nostra opinione gli occhiali che cambiano colore tramite le lenti fotocromatiche, che riteniamo più naturali e più immediate rispetto a u dispositivo elettronico, che non è comunque da sottovalutare ma difficilmente reperibile e meno efficace secondo noi. Potrebbe essere comuque utile in futuro se si riuscisse a concretizzare i cosìdetti google glasses (progetto in realtà sempre meno seguito a quanto pare) per permettere di usare l’apparecchio anche quando vi sono grandi intensità di luce.

I modelli di occhiali fotocromatici che cambiano colore sono acquistabili online direttamente da Amazon, puoi vedere i modelli migliori ed il loro prezzo corrispettivo qui sotto:

Occhiali da sole da poker per il gioco d’azzardo: dove acquistarli e perché

occhiali-da-sole-da-gioco-poker

Gli occhiali da sole sono un accessorio molto in voga non solo per fini riguardanti l’ottica e la protezione degli occhi ma anche a fini strategici specie quando parliamo di poker.

È giusto indossare degli occhiali da sole quando si gioca a poker? Secondo l’opinione di molti gli occhiali da sole da poker, facilmente acquistabili online a prezzi molto accessibili, possono aiutare a mascherare le emozioni e la propria mano agli avversari. Certamente non esistono soltanto gli occhiali da sole per nascondere i propri cambiamenti sul tavolo da gioco, ad esempio si può indossare una sciarpa o un maglione con collo ampio.

Sicuramente parlando di occhiali da sole e di poker in ogni caso è giusto che i professionisti del gioco indossino questo accessorio per i seguenti motivi:

1. Gli occhi possono portare a traspirare un sacco di informazioni ai nostri avversari

2. Con gli occhiali da sole è possibile raccogliere informazioni riguardanti gli altri giocatori senza essere scorti, possono quindi costituire anche un arma strategica nel poker e non solo uno scudo difensivo

3. Giocare con gli occhiali da sole per il poker è sicuramente più comodo e ti metteranno maggiormente a tuo agio evitandoti tutti i principali stress dovuti al contatto visivo. Dovrai certamente fare comunque attenzione a non tradirti con i gesti facciali.

Naturalmente indossare gli occhiali da sole non sempre è l’idea giusta: dipende dal tipo di avversari che avete di fronte quando sedete al tevolo da gioco e dalla vostra capacità di regolarvi e utilizzare la mimica facciale. In generale tuttavia indossare degli occhiali da gioco è un aiuto e non uno svantaggio perché in maniera impercettibile a meno che non si parli di grandi professionisti nascondere i propri sguardi e ciò che si cela dietro è molto complesso e spesso pericoloso se non con uno schermo protettivo come gli occhiali da gioco.

Concludendo gli occhiali da sole da gioco possono essere davvero utili per chi desideri cimentarsi nel poker o negli altri giochi d’azzardo nei casino senza voler mostrare ciò che i nostri stessi occhi possono voler nascondere; inoltre è giusto aprire una piccola parentesi sul tipo di luce che viene utilizzata in sala: capita a volte che l’insensità sia davvero troppo forte o vi siano raggi blu che possano danneggiare la retina o il cristallino.

Acquistare degi occhiali da sole per giocare a poker o a giochi d’azzardo online è davvero semplice; in seguito offriremo anche noi dei suggerimenti su quale modello di occhiali da gioco scegliere e acquistare online al prezzo che può convenire di più.

Lenti polarizzate occhiali da sole: cosa sono e come funzionano

Lenti polarizzate occhiali da sole: come si vede con le lenti polarizzate e con gli occhiali da sole normali
Differenza tra lenti polarizzate e lenti non polarizzate
Lenti da Sole polarizzate e non

Cosa sono e a cosa servono le lenti polarizzate?

Certamente tutti gli automobilisti sanno che dopo dopo una forte pioggia, i raggi del sole che battono sulla superficie stradale bagnata sono fortemente riflessi e che la visibilità è resa difficile dal riflesso stesso. La situazione migliora con degli occhiali da sole anche se il senso di accecamento rimane. Anche gli sciatori e appassionati di sport acquatici conoscono questo problema visto che il sole viene riflesso sulla neve o sull’acqua dando la stessa sensazione di accecamento che prova un automobilista quando splende il sole dopo una forte pioggia. Ma che cosa si deve fare in un caso del genere? Come possiamo ridurre questo “accecamentoprodotto dal riflesso del sole su una superficie, acqua, neve, vetro che sia? La soluzione è fornita dagli occhiali polarizzati. Vediamo cosa sono e come funzionano.

Lenti polarizzate per occhiali da sole

Il filtro polarizzatore è un film particolare posto sulla lente dell’occhiale. Per capire come funziona questo film dobbiamo innanzitutto capire come funzionano i raggi riflessi che tanto ci infastidiscono.

La luce naturale si muove in tutte le direzioni dello spazio tridimensionale, ovvero in orizzontale, verticale e lungo tutti gli angoli compresi tra queste dimensioni. Quando la luce in questo suo muoversi nello spazio tridimensionale incontra una superficie riflettente, come ad esempio l’asfalto, la neve, l’acqua, la sabbia, subisce un processo detto di “polarizzazione” per il quale comincia a muoversi in verticale e in orizzontale.

Come reagisce l’occhio a questa luce che si muove in orizzontale e verticale? In sintesi possiamo dire che :

  • la luce verticale porta all’occhio un insieme di informazioni utili, consentendo la visione dei colori e la percezione dei contrasti.
  • la luce orizzontale (che si definisce luce polarizzata, perché ordinata in piani paralleli) crea semplicemente una sorta di fastidio, il cosiddetto riflesso, che copre l’intero campo visivo causando riduzione della visibilità, distorsione dei colori, affaticamento ed irritazione oculare.

Grazie alla loro conformazione, le lenti polarizzate riducono notevolmente o eliminano l’energia luminosa riflessa, principale responsabile del riverbero, consentendo:

  • una migliore percezione dei contrasti, 
  • una visione nitida anche in lontananza,
  • una visone naturale dei colori,
  • un minore affaticamento,
  • una  protezione 100% dai raggi UV.

A differenza degli occhiali polarizzati invece, gli occhiali da sole classici riescono soltanto ad attenuare queste riflessioni ma la sensazione di accecamento / abbagliamento permane.

L’occhiale da sole con lenti polarizzate possiede il filtro polarizzatore che abbiamo nominato in precedenza. Questo filtro è costituito da un film che sta sopra le lenti e che è costituito da una serie di cristalli disposti in modo tale che la luce riflessa,che causa l’abbagliamento, sia assorbita dall’occhiale.

Vantaggi delle lenti polarizzate in un occhiale da sole

Come già detto in precedenza il vantaggio principale delle lenti polarizzate è quello di ridurre notevolmente o di eliminare completamente la luce riflessa, principale responsabile del riverbero. Ciò consentente:

  • una migliore percezione dei contrasti, 
  • una visione nitida anche in lontananza,
  • una visone naturale dei colori,
  • un minore affaticamento,
  • una garantiscono la protezione 100% dai raggi UV.

Questi vantaggi possono essere avvertiti soprattutto alla guida perché sia ha una visione visione più chiara e i pericoli possono possono essere identificati in tempo utile (si evitano così possibili incidenti dovuti alla cattiva visione). I vantaggi possono essere avvertiti anche nei momenti di relax ad esempio in acqua o sulla spiaggia (notare che con delle lenti polarizzate si puà guardare perfettamente da sopra a sotto la superficie dell’acqua).

Svantaggi delle lenti polarizzate negli occhiali da sole

Gli svantaggi delle lenti polarizzate negli occhiali da sole sono veramente pochi:

  • anche la luce di tanti apparecchi elettronici (come vecchi smartphone, orologi, computer, navigatori, ecc) è assorbita dalle lenti polarizzate.
  • il prezzo delle lenti polarizzate è ancora leggermente più costoso degli occhiali da sole convenzionali (anche se considerando i numerosi vantaggi, soprattutto per guidatori, sciatori e coloro che praticano gli sport acquatici, le lenti polarizzate valgono il loro prezzo.

Perchè usare occhiali da sole?

Perchè dovremmo usare sempre gli occhiali da sole
Perchè usare gli occhiali da sole?
Usare Occhiali da Sole. Sempre

In questo articolo spiegheremo perché é altamente consigliabile usare Occhiali da Sole rispondendo a qualcuna delle più comuni domande su cui spesso ci si interroga, e cioé:

  1. E’ pericolosa per gli occhi la luce del sole?
  2. Basta proteggersi dai raggi ultravioletti per evitare danni agli occhi?
  3. Per proteggersi basta portare lenti scure?
  4. Anche i bambini devono portare lenti protettive?
  5. In che malattia oculare è consigliabile portare lenti filtranti, lenti protettive?

1. E’ pericolosa per gli occhi la luce del sole?

L’illuminazione solare è una delle cause che portano alla degenerazione maculare e che influenzano negativamente molte malattie degli occhi come le retinopatie pigmentose e la cataratta. Tantissimi raggi della luce del sole sono pericolosi per il nostro occhio: non sono pericolosi soltanto i raggi ultravioletti (Raggi UV) ma anche le radiazioni azzurre, contenute nella luce bianca del sole. Da notare che chi possiede un’iride chiara (ad esempio azzurra o verde) sembra avere un rischio maggiore.

2. Basta proteggersi dai raggi ultravioletti (Raggi UV) per evitare danni agli occhi?

Come già accennato precedentemente, sono dannosi per il nostro occhio non sono soltanto i raggi ultravioletti (rimarchiamo che i raggi UV sono comunemente suddivisi in base alla lunghezza d’onda in UV-A (400-315 nm), UV-B (315-280 nm) e UV-C (280-100 nm)) ma anche e soprattutto le radiazioni azzurre che sono contenute nella luce bianca del sole. Per tale ragione, le lenti degli occhiali da sole devono proteggere i nostri occhi non solo dai raggi ultravioletti ma devono anche filtrare la parte azzurra della luce solare.

3. Per proteggersi basta portare lenti scure?

Per proteggersi dal sole non è sufficiente portare delle lenti scure. Ad esempio, le lenti di un occhiale da sole comprate da un ambulante sulla spiaggia possono anche avere un colore scuro ma spesso non filtrano a sufficienza i raggi pericolosi. Anzi, questo tipo di lenti possono anche essere nocive poiché la pupilla protetta dallo schermo scuro si dilata lasciando passare una quantità superiore di raggi nocivi. Le lenti filtranti adatte che rispettano le norme internazionali imposte dalla Comunità Europea e possono essere acquistate soltanto presso i negozi degli ottici specializzati.

4. Anche i bambini devono portare lenti protettive?

Ovviamente, così come gli adulti, anche i bambini hanno necessità di proteggersi gli occhi con occhiali da sole che montano delle adeguate lenti filtranti. Anche i bambini sono esposti al rischio da raggi azzurri e ultravioletti, soprattutto se la loro iride è chiara. Per proteggee gli occhi dei più piccoli esistono degli occhiali da sole appositi (esistono occhiali da sole anche per bambini di 1 anno!). La migliore protezione per gli occhi dei bambini, così come per gli occhi degli adulti è fornita da occhiali da sole con lenti marroni o rosso-marrone.

5. In che malattia oculare è consigliabile portare lenti filtranti, lenti protettive?

E’ consigliabile che persone con malattie oculari o a rischio di malattie oculari (come ad esempio soggetti affetti da drusen, degenerazione maculare, retinite pigmentosa, cataratta, maculopatia, distrofia maculare, ecc) si proteggeno gli occhi con lenti filtranti adatte. Spesso, chi è affetto da malattie dell’occhio può trovare delle difficoltà nell’indossare degli occhiali da sole soprattutto a causa delle difficoltà di adattamento dell’occhio nel momento stesso in cui si indossa l’occhiale da sole o nel momento in cui si passa dal sole all’ombra. Per ovviare a questi inconvenienti, bisogna saper conoscere ed accettare i propri limiti (o meglio, i limiti legati al disturbo della malattia oculare), sapere come comportarsi nelle diverse condizioni di luce e rivolgersi a degli specialisti (psichiatri, psicologi, oculisti, ottici di fiducia; nello staff di eocchiali.it sono presenti dei soggetti affetti da Retinite Pigmentosa che possono darvi tutti il supporto e i consigli possibili). In generale, il colore delle lenti degli occhiali da sole più adatto a soggetti affetti da disturbi oculari  è l’arancione o il rosso. Questi colori ad alcuni possono risultare abbastanza sgradevoli e possono essere ricoperti di una pelliccola marrone che rende meno evidente il colore rosso. Si consiglia ai soggetti a rischio di portarle ogni volta che si espongono alla luce e proteggersi ulteriormente con un cappello o un cappellino.

Colore delle Lenti degli Occhiali da Sole

Miglior Colore delle Lenti degli Occhiali da Sole

In questo articolo tratteremo un tema importantissimo: il colore delle lenti degli Occhiali da Sole.

Le lenti degli occhiali da sole esistono di diverse tonalità e colori: le lenti hanno il colore della porzione di raggi solari che lasciano passare e per tale motivo bisogna stare molto attenti al colore che si sceglie. Senza ombra di dubbio sono da evitare le lenti di colore azzurro e blu in quanto lasciano passare (non filtrano) i raggi di colore “blu” che insieme a quelli ultravioletti sono i più dannosi per la retina e dunque per l’occhio. Anche se le lenti di colore Blu fossero specchiate, non andrebbero comunque bene in quanto una lente specchiata riduce la quantità di raggi che passano ma non garantiscono comunque l’incolumità dell’occhio.

Quale è il colore migliore per le lenti degli occhiali da Sole
Colori delle Lenti degli Occhiali da Sole

Il colore migliore per le lenti degli occhiali da sole va dal giallo fino al marrone in quanto tali colori escludono i raggi più pericolosi per l’occhio e mantengono pressochè inalterata la percezione dei colori.

Di seguito proponiamo un elenco dei colori delle lenti degli occhiali da sole presenti sul mercato dove per ciascuno dei colori vengono indicate le loro caratteristiche e il loro fattore protettivo-filtrante.

Colore delle lenti degli Occhiali da Sole

  • Lenti di colore Azzurro, rosa, fucsia: questi tipi di colorazione per le lenti degli Occhiali da Sole sono stati lanciati sul mercato soprattutto per rispondere ai canoni della moda. Non offrono alcuna protezione contro il sole. Lenti con una tale colorazione si possono definire totalmente voluttuarie, con una funzione puramente estetica e in nessun caso protettiva.
  • Lenti Gialle: contrariamente a quello che si potrebbe pensare sono le lenti più efficaci. Oltre a sottrarre ai raggi solari le radiazioni ultraviolette, che sono le più dannose per la retina e l’occhio hanno anche il vantaggio di non oscurare il paesaggio regalando così una visione molto nitida. Le lenti gialle sono indicate in presenza di nebbia in quanto aumentano la percezione dei contrasti.
  • Lenti Arancioni: le lenti di colore arancione offrono un ottimo assorbimento dei raggi dannosi per la retina anche se non sono indicate per la guida di un veicolo in quanto falsano i colori della realtà. Lenti gialle e arancioni sono indicate per indivuidi che presentano disturbi dell’occhio come la retinite pigmentosa.
  • Lenti Marroni, verdi o grigie: difendono bene dalla luce intensa e possono essere associate alle lenti graduate per miopi, presbiti e ipermetropi. Il grigio ha il vantaggio di non falsare i colori. In definitiva le lenti verdi e grigie offrono all’occhio una buona protezione e possono essere definite come occhiali da “riposo”.
  • Lenti Blu scuro: lenti di questo colore sono assolutamente da evitare poichè lasciano passare i raggi ultravioletti, rimanendo abbagliati dalla luce senza avere una buona visione del paesaggio circostante.

Oltre ai Colori delle Lenti degli Occhiali da Sole dobbiamo tenere d’occhio anche le classi di filtro.

Classe di filtro delle Lenti degli Occhiali da Sole

Come specificato nel nostro articolo Normativa Europea Occhiali da Sole e Lenti a Contatto le lenti a contatto possono avere differenti classi di filtro in base alla loro potere filtrante.

Le classi di filtro sono 5 e vanno dalla classe 0 alla classe 4:

  • La classe 0 e la classe 1 sono riservate a occhiali riposanti e non proprio da sole perche’ corrispondono a un filtro leggero, piu’ indicato in situazione di luce meno intensa.
  • Passando alla classe 2 e alla classe 3 si ha per le mani un vero occhiale da sole capace di filtrare oltre il 50% dei raggisolari.
  • La classe 4 è per occhiali che assorbono quasi il 100% dei raggi solari e vanno bene se si va sulla neve, su un ghiacciaio, in spiaggia o in mare aperto.

Un ulteriore aiuto per i nostri occhi può inoltre arrivare anche:

  • dalle lenti polarizzanti che eliminano il riverbero (ossia i riflessi su superfici di vario genere) e che sono ‘particolarmente indicate quando si va in spiaggia
  • dalle forme degli occhiali: occhiali dalle forme fascianti (detti “a fascia” o “a mascherina”) possono proteggere l’intero campo visivo.

‘.

Occhiali da sole Carl Zeiss: lenti speciali e ben studiate per chi le indossa

zeiss-occhiali-da-sole-acquistare

Le lenti per occhiali da sole non sono tutte uguali: la qualità si riconosce sempre dopo poco, specie quando questa ha un diretto collegamento  con la nostra capacità visiva. Gli occhiali da sole con lenti ZEISS offrono buone prestazioni visive adatte a chi vuole vivere all’aria aperta senza doversi preoccupare dell’eccessiva attività del sole e delle conseguenze che potrebbe avere sui propri occhi. Le lenti degli occhiali da sole zeiss sono in grado di fornire con precisione la nitidezza richiesta da un occhio che desidera cogliere ogni possibile spazio e proteggono in maniera adeguata dai raggi ultravioletti qualunque siano le condizioni atmosferiche a cui sono soggetti. Gli occhiali da sole zeiss inoltre sono ormai diventato un accessorio che va di moda e ampiamente apprezzato anche solo per il suo utilizzo estetico e viene spesso preferito ad altri marchi di occhiali da sole, magari più famosi, ma giudicati troppo comuni.

Gli occhiali da sole zeiss si dividono in diverse tipologie e in modo particolare in “Urban” (occhiali adatti a chi vuole far notare l’accessorio, essere alla moda e proteggerre gli occhi, gli occhiali “Drive” (adatti a chi desidera vedere bene la strada mentre guida, magari durante le giornate più luminose o durante quei momenti in cui è il caso di proteggersi), “Active” (occhiali da sole pensati per aiutarti a proteggere dagli eventi atmosferici gli occhi e per fornire un capacità di visione nitida e senza problemi durante ogni attività).

Gli occhiali da sole zeiss sono prodotti da un ampio gruppo tecnologico con esperienza enorme (parliamo di un azienda che inizia la sua attività già nel 1846) confermata dalla propria fama mondiale nei settori ottici e optoelettronici. Il marchio Zeiss commercializza e produce occhiali da sole in oltre 40 paesi in tutto il mondo e si avvale di esperti massimi nel campo; le soluzioni per la vista sviluppate dal gruppo Zeiss l’hanno reso uno dei marchi più famosi e riconosciuti in tutto il mondo in questo ambito.